Iscriviti alla newsletter e riceverai uno sconto del 10%
Regala una gift card a chi vuoi tu

Di notte declinazione arancio

Edizione Limitata - Tiratura di N. 20/20 esemplari

Di notte declinazione arancio

Fine ArtLicenza

Edizione Limitata - Tiratura di N. 20/20 esemplari

Concept

I corpi dei vivi. Sulla pittura di Filippo Manfroni
Scorci di corpi nudi sottoposti a luce accecante, spesso frontali, su fondo piatto. Lo... Leggi tutto

sfondo indistinto, quasi sempre nero, impedisce l’emergere di una vera e propria “scena”, inchiodando lo sguardo a una visione ravvicinata che non consente distacco né “buona distanza”.
È possibile un figurativo contemporaneo, una rappresentazione del corpo che abbia ancora senso in un mondo mai come oggi fondato sulla produzione, manipolazione e diffusione di immagini, in cui proliferano nudi di ogni genere e specie, fatalmente destinati alla standardizzazione? Può oggi un artista essere così folle da credere alla figura, da cimentarsi nella ricerca di una figura che non sia mera raffigurazione del già noto?
Su questa sfida, titanica, si fonda l’intera ricerca di Filippo Manfroni. Si dice ci siano due sole vie possibili per sfuggire alla banalità della figura: per astrazione, verso il concetto, e per via sensibile, secondo una logica della sensazione. Manfroni opta per la seconda strada, sottoponendo i corpi a un sottile processo di dissoluzione. Per cancellazione di interi elementi, per svuotamento, per fusione con altri corpi o con il magma denso del fondo che rischia di ingoiarli, o ancora sottoponendoli a forze anonime, colate di colore che ne intaccano ulteriormente l’integrità. Corpi inermi, passivi di fronte alle forze che li attraversano, che mantengono per contrasto, come unica forma di resistenza, forma e sensualità, esaltate da violenti chiaroscuri.
A dispetto del cinismo di uno sguardo assuefatto a milioni di nudi-cliché, in quei corpi c’è la vita, danza effimera di gravi mobili, in bilico fra l’evanescenza del fantasma e l’immobilità pulsante della carne, ancora sangue e già ricordo o allucinazione.
Maria Cristina Addis
Centro di Semiotica e Teoria dell’Immagine Omar Calabrese (Università di Siena)

Chiudi

Descrizione tecnica

Stampa Fine Art su carta Hahnemühle Photo Rag 308 g – Opera originale: olio su tela (2023)

Spedizioni e resi

Il prezzo delle spedizioni può variare in base al peso, alle dimensioni e al Paese di destinazione.Leggi le Condizioni generali di vendita per saperne di più.

Se dovesse esserci qualcosa che non va nell’opera puoi scriverci a support@cinquerossoarte.com o compilare il modulo di reclamo. Se sei un privato puoi restituire il tuo acquisto entro 14 giorni dal ricevimento dell’opera. L’opera dev’essere restituita integra e imballata come com’era alla consegna.

Se invece l’opera non ti è ancora arrivata, puoi utilizzare il modulo di recesso.Quando ricevi il tuo acquisto controlla che sia tutto a posto prima di firmare la consegna. Se l’opera risulta danneggiata puoi restituirla oppure chiedere un rimborso parziale. Leggi le Condizioni generali di vendita per saperne di più.

Spesso comprati insieme

T O P
X

Iscriviti alla newsletter

Per ottenere uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto. Resta sempre aggiornato con Cinquerosso arte