Iscriviti alla newsletter e riceverai uno sconto del 10% sul tuo primo ordine
art city white night

Art City White Night

Nell’ambito di Art City White Night, la notte bianca di Arte Fiera 2023, avrà luogo l’evento “Cinquerosso Arte, la piattaforma dei giovani artisti”, una mostra collettiva delle opere della collezione di Cinquerosso Arte.

In questa occasione la sede di via Remorsella 5/2, a Bologna, resterà aperta al pubblico dalle 20.00 alle 24.00.

“Durante l’edizione di Arte Fiera Bologna 2022 – commenta Francesca Fazioli, titolare di Cinquerosso Arte – abbiamo dato ufficialmente il via al nostro progetto, con il go live della piattaforma di e-commerce per l’arte accessibile.

Oggi, a meno di un anno di distanza, siamo orgogliosamente parte di Arte Fiera 2023, il grande evento dedicato all’arte contemporanea che richiama a Bologna artisti, professionisti del settore e appassionati da tutto il mondo.

Dal varo del nostro sito, a maggio 2022, siamo cresciuti tanto. Sempre più artisti decidono di unirsi a noi, abbiamo stretto contatti con interior designer anche a livello internazionale, e oggi partecipiamo a una delle più importanti kermesse dedicate all’arte in Italia. Arte Fiera Bologna, oltre all’evento fieristico in sé, alimenta infatti tantissime iniziative che ci permettono di aprire i nostri orizzonti sulla creatività.”

La notte bianca di Arte Fiera 2023

Art City White Night animerà il sabato sera del capoluogo emiliano, subito dopo la chiusura della fiera. Come sempre, anche questa edizione sarà caratterizzata da performance, happening, mostre e appuntamenti di ogni genere, ospitati in spazi pubblici e privati, dalle gallerie ai negozi alle osterie. Durante Arte Fiera, infatti, l’intera città si anima di eventi e iniziative che coinvolgono cittadini, istituzioni e i numerosi appassionati che convergono a Bologna per l’occasione. La fiera si terrà dal 3 al 5 febbraio, ma già dal 27  gennaio si svolgeranno tutti gli eventi del circuito Art Week; infine, la notte del 4 febbraio Art City White Night chiuderà in bellezza queste intense giornate di arte e cultura. L’evento “Cinquerosso Arte, la piattaforma dei giovani artisti” si inserisce dunque in un contesto di grande fermento, portando sotto i riflettori i suoi meritevoli talenti.

Carolaelupo artista astrattismo

L’arte è per me gratitudine – Intervista a Carolaelupo

Una pittura vitale, fatta di gesti energici e di colori capaci di spazzare via il grigio. Questa è l’arte di Carolaelupo.

Carola, quando hai scoperto l’arte?

Da bambina. Vivevo in un paesino del nord Italia, dove pioveva sempre e non si poteva uscire per periodi lunghissimi, in qualsiasi stagione. E io disegnavo, in quel tempo dell’infanzia che scorre lento, sotto quei cieli temporaleschi. Disegnare era quello spirito vivo che mi faceva trascorrere quel tempo e lo riempiva di un senso profondo, lo arricchiva di colori. Era un’azione vitale. Fuori c’era il mondo nero, ma io stavo dentro i miei disegni. 

E oggi?

Credo che il mio approccio all’arte sia e rimanga questo: un contatto diverso con me stessa, e un entrare in una dimensione “altra” del tempo e dello spazio. In questo senso i 70 giorni del lockdown sono stati per me ricchissimi. Ho disegnato tantissimo, di quel disegnare pieno di colore e di energia che mi contraddistingue. In un momento in cui molta umanità soffriva per l’isolamento, io ho avuto la possibilità di entrare ancora più in contatto con l’arte, e in una forma ancora più grata. Ecco, sono grata all’arte per tutto quello che ha dato alla mia vita.

I titoli delle tue opere sono molto evocativi. Come li scegli? 

Non c’è una regola precisa, ma spesso disegno con un intento e il titolo è sostanzialmente l’idea che ho in mente. Penso al sole, ho l’intento di entrare in contatto con la forza che esprime, con il simbolo, e disegno. Altre volte invece parto dall’azione, dal disegnare, e solo quando ho finito mi interrogo su quello che l’opera esprime, su quello che sta dicendo spontaneamente.

Parlaci del tuo pseudonimo, Carolaelupo. Da dove viene?

Carolaelupo nasce nel 2012 dall’incontro con un grande amore, che mi ha inevitabilmente cambiata. A volte la vita ci dà il dono di incontrare qualcuno – può essere un amico, un’amica, un amante, un cane – che ci rivela un amore di una potenza mai conosciuta prima. Lupo è stato un grande dono, come l’arte, e questo amore resterà con me fino all’ultimo respiro. Stava un po’ stretto nei panni del cane, e voleva fare tutto quello che facevo io. Quindi, quando mi vedeva così presente nei disegni, dimostrava in tutti i modi di volere la mia attenzione o di voler partecipare. Finché un giorno l’ho guardato e gli ho detto: “Guarda, Lupo, per quanto tu chiedi di intervenire in questo mio disegnare, ho finalmente capito che queste opere appartengono a tutti e due.”

Scopri le opere di Carolaelupo

T O P
X

Iscriviti alla newsletter

Per ottenere uno sconto del 10% sul tuo primo acquisto. Resta sempre aggiornato con Cinquerosso arte